Rendiconzazione contributo genitori

CONTRIBUTO LIBERALE

Il contributo è formato da due quote indipendenti: la prima, obbligatoria, non fa parte in senso stretto del contributo volontario ed è costituita dall’importo annualmente richiesto per l’assicurazione degli alunni e per il libretto di giustificazione delle assenze.

Per gli alunni disabili (certificati L. 104/92) non viene chiesto il versamento di alcun contributo, salvo diversa volontà della famiglia.

Le risorse raccolte con i contributi volontari delle famiglie saranno indirizzate ad interventi di ampliamento dell’Offerta Formativa come da nota MIUR n. 312 del 20 marzo 2012.

Art. 3 – Modalità di versamento

1 – Quota obbligatoria per l’assicurazione: il versamento dovrà essere effettuato, entro il 15/10 di ogni anno, a seguito di apposita comunicazione da parte del Dirigente scolastico, nella quale si precisa annualmente l’importo della quota obbligatoria per assicurazione.

2 – Quota del contributo volontario: allo stesso modo.

È possibile anche il versamento collettivo, che non risulterà però detraibile fiscalmente.

Art. 4 – Detrazione fiscale

Se effettuata individualmente, la quota volontaria del versamento è detraibile fiscalmente, in base alla L. 40/2007, a patto che detto versamento risulti effettuato tramite bollettino postale o bonifico bancario e che sia destinato all’innovazione tecnologica, all’edilizia scolastica e all’ampliamento dell’offerta formativa.

L’Istituto, pertanto, a richiesta delle famiglie, dopo aver acquisito la copia del bonifico di versamento del contributo, rilascerà una dichiarazione attestante la seguente indicazione: “EROGAZIONE LIBERALE PER L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA, L’AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA E L’EDILIZIA SCOLASTICA, A FAVORE DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO DE AMICIS – L. 40/2007 ART. 13“.

Tale dichiarazione, unita alla ricevuta del versamento, consentirà la detrazione/deduzione nella dichiarazione dei redditi.

Art. 5 – Utilizzo dei fondi

Il contributo volontario può essere utilizzato per tre scopi principali:

  • Innovazione tecnologica: acquisto di attrezzature informatiche in genere (ad es. PC, videoproiettori, stampanti, cartucce, software, ecc.);
  • Edilizia scolastica: piccoli interventi di manutenzione difficilmente richiedibili all’Ente locale (ad es. tende ecc.);
  • Ampliamento dell’offerta formativa: progetti vari relativi alla didattica curricolare ed extracurricolare (ad es. esperti esterni, biblioteca di classe, potenziamento linguistico, fotocopie per approfondimenti e verifiche, ecc.).

I genitori, anche in gruppi, possono formulare una precisa proposta progettuale all’interno delle tre tipologie previste (innovazione tecnologica, piccola edilizia scolastica, ampliamento dell’offerta formativa). Ove possibile, sarà anche indicato il budget di spesa orientativamente previsto per il progetto.

Qualora non si fosse raggiunto il budget previsto, ove non fosse possibile una integrazione da parte del bilancio dell’Istituto, i fondi raccolti potranno essere accantonati per l’anno successivo, oppure impiegati per realizzare parzialmente la proposta progettuale, se possibile. I rappresentanti delle famiglie saranno comunque costantemente informati sull’iter.

Allo stesso modo, eventuali eccedenze saranno accantonate per l’anno successivo.

Per l'anno scolastico 2014/15 il Contributo liberale -escluse le spese assicurative e per libretti di giustificazione- è stato così utilizzato:

-acquisto nuove sedie aula magna

-piccola manutenzione

-fotocopie didattica

-acquisto carta

-esperto per teatro in lingua tedesca

-acquisto climatizzatori scuola primaria

-sportello ascolto

-lavori aula via Garro

-materiale pittura

-integrazione lezioni madrelingua